Eventi

Kidsuniversity Verona è anche eventi, per raccontare il piacere della conoscenza attraverso incontri, giochi e gare che coinvolgono tutta la famiglia, spettacoli e una mostra.
Tutti gli eventi sono gratuiti.

 

L’ape, il miele e le parole

Le api costituiscono per l’uomo un alleato determinante e insostituibile. La loro sopravvivenza è oggi messa in pericolo dall’uso indiscriminato di prodotti chimici. Per l’uomo, però, l’ape è da sempre anche fonte di ispirazione artistica. In questa mostra sono raccolti libri antichi e moderni che testimoniano di questo stretto legame. Viene inoltre esposto un alveare in paglia “bugno”, oltre a monete, medaglie, francobolli e altro materiale a soggetto apistico. Alle pareti le citazioni letterarie ispirate a questo piccolo, ma preziosissimo insetto.

Alle scolaresche che ne faranno richiesta un omaggio.

Mostra a cura di
Giuseppe Battaglia
e Alessia Parolotto
Biblioteca Frinzi,
Via San Francesco 20
La mostra sarà aperta fino domenica 22 ottobre,
tutti i giorni dalle
8.15 alle 23.45
Ingresso libero
Inaugurazione ore: 18

Parole di scuola

Conoscere le parole della scuola – paura, entusiasmo, vergogna, condivisione, integrazione, esclusione, empatia, identità, equità – e il suono che fanno tra i banchi, è importante. Perché in aula si imparano le parole giuste per capire sé stessi, gli altri, il mondo. E la vita.

Mariapia Veladiano la scuola la conosce bene, e conosce molto bene i ragazzi, perché prima di scrivere romanzi, vincere premi prestigiosi e diventare nota al grande pubblico, ha insegnato lettere alle scuole superiori per più di vent’anni, per poi diventare preside. E conosce bene i professori, il loro lavorare in condizioni sempre più difficili, il fare i conti con una professione che ha perso prestigio e riconoscimento, il sopperire all’impietosità dei tagli ministeriali con le risorse (non solo di spirito) personali.

Dialogano con l’autrice Chiara Stella e Claudio Girelli, docente di Pedagogia sperimentale, Università di Verona.

Incontro con la scrittrice Mariapia Veladiano
In collaborazione con Associazione Giochi Antichi
Biblioteca Civica,
Sala Nervi,
Via Cappello 43
Ore: 17

 

Più forte di ogni addio

Enrico Galiano è insegnante in una scuola media, ha creato la webserie Cose da prof, che ha superato i dieci milioni di visualizzazioni su Facebook. Nel 2015 è stato inserito nella lista dei 100 migliori insegnanti d’Italia dal sito Masterprof.it. Libro dopo libro, è diventato l’idolo dei lettori e nessuno come lui sa parlare agli adolescenti e agli adulti attraverso il linguaggio universale delle emozioni. Dopo il successo di Eppure cadiamo felici, e di Tutta la vita che vuoi, Enrico Galiano torna in libreria con Più forte di ogni addio (Garzanti) un romanzo che ci ricorda che nella vita ogni momento è importante, soprattutto quello in cui dire subito alle persone che amiamo che cosa significano per noi.

Dialoga con l’autore Giuseppina Messetti, docente di Didattica e pedagogia speciale, Università di Verona.

Incontro con lo scrittore
Enrico Galiano
La Feltrinelli Libri e Musica
Via Quattro Spade 2
Ore: 17.30

Guerra ai prof!

Appuntamento con Andrea Maggi, l’insegnante più seguito e amato dagli studenti d’Italia e protagonista del docu-reality Rai campione d’ascolti Il Collegio.

Andrea Maggi è l’autore del romanzo Guerra ai prof! (Feltrinelli UP). Il racconto delle mirabolanti vicende del protagonista Leonardo, in un divertente confronto-scontro tra il mondo degli adulti e quello degli adolescenti; l’ipocrisia dell’uno e l’incoscienza dell’altro, narrate in un’irresistibile escalation di follia. Dialoga con l’autore il professor Stefano Vicentini.

Incontro con lo scrittore
Andrea Maggi
La Feltrinelli Libri e Musica
Via Quattro Spade 2
Ore: 18

La terra dei Lombrichi. Da Alcesti di Euripide
Chiara Guidi / Socìetas

I lombrichi, ciechi e sordi, giorno dopo giorno rivoltano e vagliano la terra. Dalle profondità del suolo, portando in superficie mucchietti di terriccio, sollevano il terreno, trasformano il paesaggio e seppelliscono, custodendoli, molti oggetti antichi. Essi ricoprono e proteggono, permettendo a ciò che è sepolto di ritornare. Per incontrare i lombrichi occorre scavare ed entrare nella terra perché solo stando un po’ con loro è possibile comprendere bene il loro segreto. Oh! È un’impresa impossibile, perché nessuno può andare sotto terra, stare con i lombrichi e restare vivo! Occorre, allora, fare come Alcesti, diventare come lei, seguendo la sua storia così come ce la racconta Euripide, un poeta dell’antica Grecia. Alcesti, accettando di morire al posto del marito Admeto, scende nelle viscere della terra e poi, grazie all’aiuto di Eracle, risale in superficie lasciando i lombrichi alla loro infaticabile azione: andare sotto e poi risalire sopra… sotto… sopra… sottosopra… un movimento inestinguibile che illumina di speranza anche la tragedia.

Lo spettacolo, nato attraverso un laboratorio di Chiara Guidi sul Metodo errante, è una forma teatrale aperta, ha cioè bisogno dei bambini per comporsi e per compiersi. I bambini, guidati dalle figure della narrazione, entrano letteralmente dentro lo spazio dell’azione e determinano l’andamento della vicenda con le loro decisioni o con i loro interventi.

Su prenotazione:

T | 392 8058192 – 340 9780012

E | laterradeilombrichi@gmail.com

www.facebook.com/arewehuman.verona

Una tragedia per bambini
Età: a partire dai 7 anni

di Chiara Guidi.
Assistente alla regia
Chiara Savoia
con Francesco Dell’Accio
Tecniche Eugenio Resta
e Vito Matera
con i partecipanti
al laboratorio sul
Metodo Errante

In collaborazione con
Teatro Nuovo Verona
Exp/AreWeHuman
Teatro Nuovo
Piccolo Teatro di Giulietta,
Piazza Viviani 10
Giovedì 19
Ore: 20.30 (posti limitati)
Venerdì 20
Ore: 17 (posti limitati)


Flippati. Studenti che imparano a fare da soli

Alessia Bevilacqua, assegnista di ricerca al Dipartimento di Scienze Umane, con Elena Fossà e Cosetta Tomas, insegnanti presso la scuola primaria “L. Milani”(IC 13), presentano un approccio pedagogico-didattico attivo ed inclusivo che mira a rendere gli studenti protagonisti dei loro processi di apprendimento, facilitando l’acquisizione non solo di conoscenze, ma anche di competenze disciplinari e trasversali. I partecipanti potranno conoscere l’approccio flipped classroom attraverso esemplificazioni di pratiche didattiche, nonché il coinvolgimento diretto grazie alle educational technologies.

Università di Verona
Polo Zanotto, aula T 1
Viale dell’Università 4
Ore: 17.30

I bambini con bisogni e diritti speciali nella scuola

Angelo Lascioli, Luca Ghirotto e Luciano Pasqualotto, docenti di Pedagogia speciale all’università di Verona, insieme a Michele Bonetti, Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto – Verona, presentano nuovi approcci ai bisogni speciali dei bambini e delle bambine nella scuola.

Pediatri, specialisti, insieme a insegnanti, pedagogisti e genitori, saranno i protagonisti di una rivoluzione culturale cui le nostre comunità sono chiamate: non si tratta più di concentrarsi solo sui bisogni e sulle disabilità dei bambini che frequentano la scuola, ma di elaborare sistemi di lettura e valutazione del funzionamento, cioè delle risorse e delle positività che ciascuno porta in sé.

Grazie al supporto di Glaxo Smith Kline, l’Università di Verona ha sperimentato modalità nuove per cogliere le competenze e le capacità di bambini e bambine con bisogni speciali, secondo un’ottica di diritto all’inclusione, diritto alla diversità.

Università di Verona
Polo Zanotto, aula T 1
Viale dell’Università 4
Ore: 17.30

 

DOCTOR KIDS
Sabato 21 settembre

Una cerimonia, uno spettacolo e una festa: tutto questo è Doctor Kids, cerimonia riservata ad alunni e alunne che hanno partecipato ai laboratori per le scuole e alle loro famiglie.

I “piccoli dottori” saliranno su un vero palcoscenico, quello del Teatro Nuovo, per essere nominati dal Rettore, Nicola Sartor, Doctor Kids.

Potranno, inoltre, assistere in esclusiva allo spettacolo Sotto un’altra luce, un’occasione davvero unica per scoprire la fisica divertendosi, in un caleidoscopio di esperimenti scientifici eseguiti dal vivo, al confine con la magia. Protagonisti tre ricercatori del dipartimento di Fisica dell’università di Milano: Marina Carpineti, Marco Giliberti e Nicola Ludwig, pronti, al termine dello spettacolo, a rispondere a tutte le domande dei dottori in erba. Regia di Flavio Albanese e Marinella Anaclerio.

Come da tradizione, gran finale con l’emozionante e colorato lancio del tocco!

Teatro Nuovo
Piazza Viviani 10
Ore: 16